Una roccia di offesa

Romani 9:30-33

30 Cosa diremo, allora? Che i Gentili che non perseguivano la giustizia l’hanno raggiunta, cioè una giustizia che è per fede;
31 ma che Israele che perseguiva una legge che avrebbe condotto alla giustizia non riuscì a raggiungere quella legge.
32 Perché? Perché non lo perseguivano per fede, ma come se fosse basato sulle opere. Hanno inciampato sulla pietra d’inciampo,
33 com’è scritto: “Ecco, io pongo in Sion una pietra d’inciampo e una roccia d’offesa; e chi crede in lui non sarà svergognato.”- Romani 9:30-33

Perché Gesù dovrebbe essere una pietra d’inciampo per alcune persone? E che cosa è una roccia di offesa? Ebbene, al popolo ebraico fu data la legge che li avrebbe condotti alla giustizia. Ma scoprirono che la legge in sé non poteva riuscire a rendere una persona giusta. Paolo fa notare che i Gentili che non perseguivano la giustizia sono divenuti giusti mediante la fede in Cristo.

Nella storia dell’Antico Testamento leggiamo di un comandante siriano chiamato Naaman che soffriva di lebbra. Un servo gli disse che poteva guarire in Israele, così prese con sé una grande quantità di ricchezze e andò in Israele. Il profeta Eliseo non andò incontro a lui, ma mandò un messaggio che avrebbe dovuto lavarsi nel Giordano sette volte e sarebbe stato guarito. Naanan ha respinto questo suggerimento dicendo che c’erano fiumi migliori in Siria. Il suo orgoglio è stato rivelato. Pensava di poter comprare il favore di Dio e che conosceva il modo migliore per agire. Ma la parola di Dio per lui era una pietra d’inciampo e una roccia di offesa. Ha dovuto rinunciare al suo orgoglio e umiliarsi davanti a Dio, fare come Dio gli ha detto e poi è stato guarito (2 Re 5:14).

Gesù ha causato offesa.

3 Non è questo il falegname, il figlio di Maria e il fratello di Giacomo, di Iose, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non sono qui con noi?”E si offesero di lui.
4 E Gesù disse loro: “Un profeta non è senza onore, se non nella sua città natale e tra i suoi parenti e nella sua casa.”- Marco 6: 3-4

La gente non poteva credere che un semplice falegname di Nazaret potesse essere il Figlio di Dio. Quando Gesù insegnò il Regno di Dio molti farisei (i capi religiosi del giudaismo) furono offesi:

Allora i discepoli vennero e gli dissero: “Sai che i farisei si offesero quando udirono questo detto?”- Matteo 15: 12

Erano pieni di orgoglio e Dio usò la Pietra d’Inciampo e la Roccia dell’Offesa per portarli giù in un luogo dove potevano voltarsi dal loro orgoglio ed essere guariti, umiliarsi ed essere salvati.

Gesù è venuto a noi come umile servitore. Il popolo ebraico si aspettava un re vittorioso. Era offensivo per loro considerare che una persona che era stata crocifissa potesse mai essere il Beato inviato da Dio per redimere l’umanità. Ma era e dobbiamo essere disposti a umiliarci davanti al nostro salvatore, cadere davanti a Lui e accettare la Sua via, non la nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.