Schneiderian Spessore della Membrana e Implicazioni Cliniche per il rialzo del Seno Mascellare: una Revisione Sistematica e Una Meta‐Analisi di Regressione

Sfondo: Schneiderian spessore della membrana (SMT) è stato considerato come un fattore chiave per influenzare la membrana di perforazione, che possono mettere a rischio la finale di esito clinico di rialzo del seno mascellare. Quindi, questa revisione sistematica mira a studiare la SMT media e ad indagare ulteriormente i fattori correlati al paziente che possono influenzare la SMT. Come obiettivo secondario, è stata studiata l’associazione tra SMT e velocità di perforazione della membrana.

Metodi: Tre revisori indipendenti in diversi database, tra cui MEDLINE, EMBASE, Cochrane Central Register of Controlled Trials e Cochrane Oral Health Group Trial Register database, hanno condotto ricerche di letteratura elettronica e manuale. Questa revisione è stata scritta e condotta secondo le linee guida PRISMA (Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta‐Analysis) e MECIR (Methodological Expectations of Cochrane Intervention Reviews). È stata eseguita una valutazione quantitativa per gli articoli che soddisfacevano i criteri di inclusione per indagare l’SMT medio, i suoi fattori che contribuiscono e l’influenza sul danno alla membrana e sulle complicanze chirurgiche.

Risultati: Trentuno studi che hanno riportato SMT mascellare sono stati considerati per l’analisi qualitativa. Diciannove sono stati ulteriormente meta-analizzati. Media complessiva ± SE SMT era 1.17 ± 0,1 mm (intervallo di confidenza al 95% = da 0,89 a 1,44). Sebbene la SMT media per il gruppo di radiografia tridimensionale (3DR) fosse di 1,33 mm (95% CI = da 1,06 a 1,60), per il gruppo istologico era di 0,48 mm (95% CI = da 0,12 a 1,1). Il modello Random‐effects ha mostrato che, sebbene ci sia una tendenza per SMT più spesso come determinato usando 3DR rispetto all’analisi istologica, tale differenza non ha raggiunto la significatività statistica (P = 0.15). Inoltre, le analisi di regressione hanno dimostrato che le variabili parodontite (P = 0.13) e fumo (P = 0.11) hanno mostrato SMT più spesso. Dati inconcludenti sono stati ottenuti correlando SMT e tasso di perforazione, anche se sembra che SMT più spessa potrebbe essere più incline alla perforazione (P = 0,14).

Conclusioni: SMT è, in media, 1 mm nei pazienti che cercano l’aumento del seno. Le tecnologie tridimensionali sovrastimano circa 2,5 volte l’SMT rispetto all’analisi istologica. La parodontite e il fumo possono provocare un ispessimento della membrana del seno. Tuttavia, i dati attuali erano inconcludenti per collegare SMT al tasso di danno alla membrana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.