Schizofrenia, disturbo schizoaffettivo e assicurazione invalidità :Guida di un richiedente

Vivere con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo è impegnativo. Tuttavia, molte persone con queste condizioni possono vivere in modo indipendente, anche se a volte hanno bisogno di sostegno da parte di persone care e altri. Se tu o una persona cara non potete più lavorare a causa di psicosi o schizofrenia, allora la persona colpita può beneficiare di prestazioni di assicurazione invalidità a breve o lungo termine.

In questo articolo, i nostri esperti avvocati di assicurazione invalidità discutono problemi comuni che le persone con schizofrenia o disturbo schizoaffettivo affrontano, sia nella loro vita quotidiana che durante i loro reclami LTD.

Qual è la differenza tra schizofrenia e disturbo schizoaffettivo?

La schizofrenia e il disturbo schizoaffettivo sono condizioni di salute mentale strettamente correlate, ma presentano differenze significative. Qualcuno con una diagnosi di schizofrenia soffre principalmente di sintomi di psicosi, tra cui:

  • Deliri: Credenze o convinzioni che non sono supportati dalla realtà
  • Allucinazioni: vista, udito, olfatto, o di rilevamento di qualcosa che non c’è
  • discorso Disorganizzato: Incoerente, incostante, o incomprensibile discorso
  • Disorganizzato o catatonico comportamento: Agitato e bizzarro comportamento, o di diventare non-reattivo
  • Apatia: La mancanza di emozioni o un’incapacità di cura per i bisogni fisici

Molte persone con la schizofrenia, anche l’esperienza di deficit cognitivi e deficit di memoria. Mentre il farmaco può ridurre i sintomi per un certo tempo, la ricaduta è notevolmente comune nelle persone con schizofrenia. Ad esempio, uno studio del 1996, pubblicato su Neuropsychopharmacology, ha rilevato che almeno un terzo delle persone diventa resistente al trattamento entro cinque anni dalla diagnosi.

Il disturbo schizoaffettivo coinvolge questi stessi sintomi psicotici combinati con sintomi depressivi o maniacali. Secondo il DSM – 5 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 5a edizione), ci sono due forme di disturbo schizoaffettivo:

  • Tipo depressivo: Coinvolge sentimenti di disperazione e impotenza, diminuzione della motivazione, incantesimi di pianto, pensieri di autolesionismo e altri sintomi
  • Tipo bipolare: Episodi di mania, come sentirsi “up”, insonnia, sbalzi d’umore, comportamento irregolare e depressione

Il disturbo schizoaffettivo viene spesso diagnosticato erroneamente come disturbo bipolare o schizofrenia.

CORRELATO: Disturbo bipolare e assicurazione invalidità: Guida di un richiedente

Posso ottenere benefici LTD per la schizofrenia e il disturbo schizoaffettivo?

La maggior parte delle persone con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo vive con gravi menomazioni che impediscono loro di lavorare. Queste menomazioni possono includere:

  • Cognitivo: la funzione cognitiva alterata e compromessa è il problema più comune associato alla schizofrenia e al disturbo schizoaffettivo; i farmaci in genere non migliorano la funzione cognitiva.
  • Sociale e occupazionale: Molte persone lottano con una motivazione sociale e occupazionale limitata, che è causata dal processo della malattia piuttosto che da un desiderio intenzionale di evitare il lavoro e le interazioni sociali.
  • Cura di sé: dalla cottura e pulizia alla gestione dei farmaci e alla guida, una grande percentuale di persone con schizofrenia o disturbo schizoaffettivo ha bisogno di un supporto e una supervisione significativi.
  • Attenzione e concentrazione: quasi tutti con schizofrenia sperimentano problemi di concentrazione, persistenza e ritmo. La memoria episodica, che aiuta le persone a imparare e conservare le informazioni, è spesso compromessa.

A causa di queste sfide combinate, molte persone con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo non possono funzionare, specialmente durante una ricaduta. E molte delle menomazioni, in particolare quelle che coinvolgono la cognizione e la concentrazione, continuano anche quando l’individuo non sta vivendo una psicosi attiva.

In queste circostanze, ha senso richiedere prestazioni di assicurazione invalidità a breve o lungo termine. Tuttavia, la maggior parte delle persone con schizofrenia o disturbo schizoaffettivo non può gestire una richiesta di assicurazione invalidità da soli poiché il processo richiede ampie conoscenze legali e mediche, attenzione ai dettagli e persistenza.

Se voi o qualcuno che ami vive con la schizofrenia o disturbo schizoaffettivo e non può funzionare, è nel vostro interesse di consultare un avvocato esperto di assicurazione invalidità che capisce le sfumature della schizofrenia e disturbo schizoaffettivo. Ad esempio, quando lavori con Bryant Legal Group, ti spiegheremo i termini e le condizioni precisi del tuo piano LTD, valuteremo la tua idoneità per i benefici e ti guideremo in ogni fase della domanda. In questo modo, non devi preoccuparti di perdere scadenze, prove o dettagli essenziali durante il tuo reclamo.

CORRELATI: Sintomi “auto-segnalati”: come combattere con prove mediche

La compagnia assicurativa limiterà i pagamenti di LTD per la schizofrenia?

La maggior parte delle politiche LTD limita le disabilità legate alla salute mentale a due anni di benefici. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni notevoli a questa regola. In primo luogo, molti piani di assicurazione invalidità non limitano i benefici quando sei disabile a causa della schizofrenia.

Mentre le compagnie di assicurazione hanno cercato di sostenere che il loro piano di “esclusione schizofrenia” non copre disturbo schizoaffettivo, queste affermazioni non hanno tipicamente tenuto in tribunale. Ad esempio, in Duncan v. MetLife, un giudice della corte distrettuale ha rilevato che MetLife non ha definito chiaramente “schizofrenia” nel suo documento di piano. Di conseguenza, il giudice ha rifiutato di limitare i benefici di una persona disabile a due anni.

In particolare, il DSM-5 utilizza il termine “schizofrenia” in diversi modi: esiste un codice diagnostico specifico per la schizofrenia, ma la guida utilizza anche il termine per discutere una vasta gamma di condizioni che include il disturbo schizoaffettivo. Il giudice ha detto che poiché l’assicuratore non aveva chiaramente delineato se il termine “schizofrenia” significava una malattia singolare o lo spettro più ampio di condizioni, la limitazione non si applicava.

Inoltre, la maggior parte delle persone con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo vive con altre condizioni invalidanti. Se hai limitazioni fisiche oltre ai tuoi problemi di salute mentale, la restrizione biennale del tuo piano di disabilità a lungo termine non dovrebbe applicarsi nel tuo caso.

Se soffri di disturbo schizoaffettivo, non dovresti presumere che i tuoi benefici LTD saranno limitati a due anni. Invece, è necessario contattare un avvocato esperto di assicurazione invalidità che può interpretare il documento del piano e applicarlo alle vostre circostanze uniche.

Bryant Legal Group: Compassionevole, rappresentanza legale dedicata per le persone che vivono con psicosi

A Bryant Legal Group, abbiamo costruito una reputazione di successo sulla base del nostro pratico, compassionevole, approccio incentrato sul cliente. Aiutiamo le persone con disturbo schizoaffettivo, schizofrenia, e altre condizioni di salute mentale ottenere i benefici di disabilità a breve termine ea lungo termine che meritano.

Piuttosto che lottare da solo, contatta il nostro ufficio per pianificare la tua consulenza gratuita e senza rischi. Il nostro team ha recuperato milioni in compensazione per i nostri clienti. Possiamo aiutarti a capire le tue opzioni senza alcun costo per te e, se decidi di lavorare con noi, gestiremo ogni aspetto del tuo reclamo in modo che tu possa andare avanti con tranquillità e fiducia.

Per programmare la vostra consultazione iniziale, chiamateci al 312-561-3010 o compilare il nostro modulo online.

Harvey, PD, Heaton, RK, Carpenter, WT, Jr, Green, MF, Gold, JM, & Schoenbaum, M. (2012). Compromissione funzionale nelle persone con schizofrenia: concentrarsi sull’occupabilità e sull’ammissibilità al risarcimento della disabilità. Ricerca sulla schizofrenia, 140(1-3), 1-8. https://doi.org/10.1016/j.schres.2012.03.025

Lieberman, J., Alvir, JM, Koreen, A., Odle, S., Chakos, M., Sheitman, B., & Woerner, M. (1996, 1 marzo). Neuropsicofarmacologia, 14: 13-21. Estratto da https://www.nature.com/articles/1380436

Il contenuto fornito qui è solo a scopo informativo e non deve essere interpretato come consulenza legale su qualsiasi argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.