Recensionedifits di memoria dichiarativa e schizofrenia: problemi e prospettive

I deficit cognitivi sono tra i fattori più importanti che portano a scarsi risultati funzionali nella schizofrenia, con deficit nella memoria dichiarativa tra i più grandi e robusti di questi. Finora, i tentativi di migliorare la cognizione nella schizofrenia hanno mostrato solo un modesto successo, che è alla base di crescenti sforzi per sviluppare strategie di trattamento efficaci. Questa recensione è divisa in tre parti principali. La prima sezione delinea la natura e l’entità dei deficit sia nei pazienti con schizofrenia che nei loro parenti adulti non psicotici. La seconda parte si concentra sulle anomalie strutturali e funzionali nell’ippocampo, sia nelle persone con schizofrenia che negli studi sugli animali che modellano le caratteristiche rilevanti della malattia. La terza sezione vede i problemi nella memoria dichiarativa e nella funzione ippocampale dal punto di vista dei tassi elevati di disturbi medici comuni nella schizofrenia, con particolare attenzione all’insensibilità all’insulina/diabete. Viene considerata la probabilità che una scarsa regolazione/disponibilità del glucosio contribuisca a deficit di memoria dichiarativa e anomalie dell’ippocampo, insieme alla possibilità che la schizofrenia e una scarsa regolazione del glucosio condividano elementi eziologici comuni e con implicazioni cliniche di questa prospettiva per migliorare la memoria dichiarativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.