La cultura della scienza

Introduzione

In generale, gli scienziati fanno tre cose: documentare o scoprire fatti, applicare metodi di ricerca e trarre conclusioni. Pensiamo ai fatti come ai dati, alla materia prima raccolta dalle osservazioni e dagli esperimenti. I metodi si riferiscono alle pratiche specifiche della disciplina che gli scienziati usano per raccogliere, analizzare e riportare quei dati. Conclusioni o risultati sono i modi in cui gli scienziati spiegano i fatti e le teorie alla base di tali spiegazioni, nonché le potenziali applicazioni delle informazioni.

Quindi, come risponde la cultura della scienza alle affermazioni che esulano dai confini normativi della ricerca scientifica e della conoscenza tradizionali? A volte scienziati e fautori di teorie scientifiche marginali non sono d’accordo sul fatto che i fenomeni anomalistici possano essere legittimamente studiati come scienza. Questi dibattiti oltre i confini della scienza e della pseudoscienza inquadrano le cinque letture in questa unità:

  1. Ci sono argomenti ragionevoli per cui la ricerca sulle esperienze paranormali o anomalistiche dovrebbe essere presa più seriamente come indagini scientifiche?
  2. Ci sono argomenti ragionevoli per cui le affermazioni anomalistiche dovrebbero essere respinte come scienza?
  3. In che modo questi dibattiti forniscono informazioni su come definiamo e interpretiamo la scienza?
  4. Quali affermazioni pseudoscientifiche sono state discusse negli ambienti scientifici?
  5. La società è diventata troppo scettica nei confronti delle scoperte scientifiche? Quando lo scetticismo va troppo lontano?
  6. La società dovrebbe riporre maggiore fiducia nella scienza?
  7. Pensi che gli scienziati dovrebbero prendere più sul serio le affermazioni anomalistiche?
  8. Hai mai sperimentato qualcosa che la scienza non può spiegare?

Letture

“Separare lo pseudo dalla scienza”

Gordin, Michael D., “Separare lo Pseudo dalla scienza.”The Chronicle of Higher Education, 17 Set. 2012.

In questo articolo di giornale commerciale, il professore di storia dell’Università di Princeton Michael D. Gordin esplora il “lavoro emotivo” svolto dall’etichetta “pseudoscienza” nel delimitare certe idee e gli individui che le perpetuano, come minacciando l’autorità empirica della scienza.

Deve essere registrato nell’account della libreria UO per accedere all’articolo.

“Due torti fanno un diritto: usare pseudoscienze e fallacie di ragionamento per integrare la letteratura primaria.”

Stover, Shawn. “Due torti fanno un diritto: usare pseudoscienze e fallacie di ragionamento per integrare la letteratura primaria.”Journal of College Science Teaching, Jan. 2016, pag.23+.

In questo articolo peer-reviewed, il professore di biologia Shawn Stover spiega come alcuni programmi scientifici universitari stanno incorporando casi di studio di pseudoscienza nei corsi per insegnare la gerarchia delle prove scientifiche e come gli errori di ragionamento comuni sono fatti dal grande pubblico quando argomenti come il riscaldamento globale e l’evoluzione sono discussi.

Deve essere registrato nell’account della libreria UO per accedere all’articolo.

“La prospettiva dell’anomalistica”

Truzzi, Marcello. “The Perspective of Anomalistics.”Skeptical Investigations, The Association for Skeptical Investigations, 2008.

Gli scienziati dovrebbero prendere più seriamente la ricerca sul paranormale e su altri fenomeni inspiegabili? In questo articolo, il professore di sociologia Marcello Truzzi definisce le caratteristiche chiave dell’Anomalistica, uno “studio interdisciplinare emergente delle anomalie scientifiche”, e spiega come i ricercatori nel campo stanno servendo obiettivi scientifici.

“Uno psicologo anomalistico”

French, Chris. “Uno psicologo anomalistico.”Intervista di Lance Workman. Psicologo, vol. 27, no. 1, Gennaio. 2014, pp. 26-27.

In questa intervista, il neuropsicologo Chris French racconta a Lance Workman come si è interessato a indagare la psicologia delle credenze e delle esperienze paranormali, così come le intuizioni che tali ricerche danno alla cultura scientifica e al processo scientifico stesso.

Deve essere registrato nell’account della libreria UO per accedere all’articolo.

“Abusi di scetticismo”

Mooney, Chris. “Abusi di scetticismo.”Skeptical Inquirer, Committee for Skeptical Inquiry, 5 Dec. 2003.

In questo articolo, lo scrittore scientifico Chris Mooney esplora come l’impulso scettico, se portato agli estremi, “può perdere la sua utilità e persino portare a risultati perversi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.