Egiziano fotoreporter Shawkan finalmente libero dopo oltre 5 anni di carcere

Condividere questo:

Washington, DC, il 4 Marzo, 2019–Egiziano fotoreporter Mahmoud Abou Zeid, noto anche come Shawkan, è stato oggi rilasciato dal carcere dopo aver trascorso più di cinque anni in detenzione con l’anti-stato spese, in un post dal suo account Twitter. Secondo le notizie, Shawkan ha detto che è stato ufficialmente approvato per il rilascio nella notte di domenica, ma tenuto dalla polizia fino a lunedì mattina. Le autorità hanno rilasciato Shawkan sotto “osservazione della polizia” per cinque anni, il che significa che dovrà comparire in una stazione di polizia ogni giorno al tramonto. Il giornalista sarà anche vietato di gestire le sue attività finanziarie e le proprietà per la durata di quei cinque anni, secondo le notizie. Shawkan e il suo avvocato impugneranno il verdetto nella corte di cassazione egiziana, ha detto suo fratello Mohamed a CPJ alla fine di 2018. CPJ ha onorato Shawkan con il suo International Press Freedom Award nel 2016.

“Siamo sollevati nel sentire che Shawkan è finalmente libero dopo aver trascorso oltre cinque anni in prigione e chiediamo alle autorità di porre fine al loro vergognoso trattamento di questo fotoreporter rimuovendo qualsiasi condizione per il suo rilascio”, ha detto il coordinatore del programma CPJ Medio Oriente e Nord Africa Sherif Mansour. “Il governo egiziano dovrebbe agire immediatamente per migliorare la sua immagine, che è stata gravemente offuscata da questa ingiusta detenzione–e può iniziare rilasciando tutti i giornalisti imprigionati in relazione al loro lavoro.”

Shawkan era in carcere dal 14 agosto 2013, quando fu arrestato mentre copriva gli scontri tra le forze di sicurezza egiziane e i sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi per l’agenzia fotografica britannica Demotix. Al momento dell’ultimo censimento carcerario del CPJ, Shawkan era uno dei 25 giornalisti incarcerati per il loro lavoro in Egitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.